Tappeti della collezione Zaleski e dipinti rinascimentali Intervista a Moshe Tabibnia - Serenissime Trame

Intervista a Moshe Tabibnia

Intervista a Moshe Tabibnia

14 aprile 2017

Breve intervista a Moshe Tabibnia

co-curatore della mostra a Venezia e

curatore della mostra a Brescia

 

1.Perché un progetto espositivo come “Serenissime Trame” a Ca’ d’Oro? Quale è la relazione con l’esposizione al Ridotto del Teatro Grande di Brescia che aprirà il 13 aprile?

MT: Perché la vocazione innata alla valorizzazione dell’arte tessile e del tappeto in particolare  chiama a sempre nuove collaborazioni con istituzioni e personalità assolutamente sensibili e in sintonia che permettono di allargare la percezione di quest’arte antica. L’esposizione al Ridotto di Brescia nasce dal desiderio di offrire un approfondimento sui temi proposti a Venezia: il collezionismo, i tappeti e la società europea.

2.Perché il confronto tra una selezione di antichi tappeti e alcuni rari dipinti del Rinascimento italiano? Perché la scelta di esporre i tappeti ‘transilvani’ ?

MT:  Perché la pittura rinascimentale è stata di grande aiuto nello studio dei tappeti e del loro significato nella società occidentale dell’epoca. Il dialogo tra i rari tappeti e i rari dipinti ne è testimonianza. I tappeti ‘transilvani’ rappresentano un episodio unico e straordinario di questa storia.

3.Cosa rappresentano i tappeti quattro e cinquecenteschi nella Venezia di quei secoli? Cosa rappresentano i tappeti ‘transilvani’?

MT: Come si evince dai dipinti l’uso dei tappeti nella Venezia dell’epoca ne sottolinea la natura di ‘spazio sacro e cerimoniale’ luogo di manifestazione di valori religiosi e secolari, nonché la loro ampia  diffusione. I preziosi tappeti ‘transilvani’ della collezione Zaleski raccontano la storia unica di un manufatto anatolico che diventa parte della tradizione identitaria delle comunità riformate dell’Europa balcanica dal XVII secolo ad oggi.

4.Quale esperienza potrà condividere il pubblico?

MT:  Il pubblico potrà rivivere a Ca’ d’Oro la straordinaria storia d’amore di Venezia  e dei pittori per i tappeti. A Brescia, grazie alle nobili pieghe della storia locale, sarà immerso nella continuità della storia che attraversa secoli e Paesi grazie alla passione del collezionista che ricrea scenari multiformi e lontani.

Prenota la tua visita

Contattaci +39 041 5200345